Puzza di “nero”? Ti mando in prima classe…

Rosa Parks

Rosa Parks

Pubblicato ieri sera da Viviana su Facebook. Senza dirglielo (nel senso che lo faccio tra un pò, appena la “acchiappo” via web) ho deciso di pubblicarlo anche qui. La speranza è che parlare possa aiutare a prevenire e a guarire. Che l’indignignazione sia con voi.

di Viviana Graniero
E’ accaduto sotto i miei occhi, martedì mattina sul treno in partenza da Napoli, destinazione Roma Termini. Da qualche scompartimento vicino al mio (di seconda classe), poco prima della partenza, si sentivano urla e imprecazioni. All’inizio non era chiara la faccenda, poi, purtroppo, lo è stata fin troppo: un ragazzo napoletano si “lamentava” del fatto che il suo posto non era “praticabile” perché “puzzava di nero”. Ovviamente seguivano imprecazioni e offese contro i ragazzi extracomunitari presenti nel suo scompartimento (che avevano regolare biglietto valido fino a Roma!).

Morale della favola, quando è arrivato lo staff di Trenitalia, invece di buttare fuori a calci questo deficiente razzista, hanno controllato e ricontrollato i biglietti degli extracomunitari (dando loro del TU, mentre continuavano a dare del LEI al cretino) e infine, non potendo far niente per buttarli fuori hanno pensato bene di offrire la prima classe al “gentile signore” per il disturbo arrecato…
evviva l’Italia!

2 thoughts on “Puzza di “nero”? Ti mando in prima classe…

  1. Credo sia necessario far sentire l’indignazione per questo malcostume di premiare i “prepotenti”, scriviamo a Trenitalia, ai quotidiani.. boicottiamo la prepotenza!

    “Bisogna spegnere la prepotenza più che un incendio” ( Eraclito)

  2. Quando ‘ho letto su Facebook ho subito pensato a certi film americani, all’Alabama, al Mississippi. Quando mi capita di guardarli mi dico – mi dicevo – “Meno male che in Italia non siamo così”. Le certezze purtroppo non ci sono più. Certo, che ci siano dei maleducati, dei razzisti, si è sempre saputo, ma che le autorità li premino non sta né in cielo né in terra. Già questa abitudine di dare del tu ai neri è un fatto che non digerisco. Ci sono luoghi – e internet è uno di questi – in cui la convenzione del tu è largamente e socialmente accettata. Ma nei rapporti di “vita reale” a chi non si conosce si dà del lei. Così al gentilissimo e simpatico cassiere nero che ogni tanto conteggia la mia spesa all’Esselunga do del lei e ne sono ricambiato. Si torna alla questione del rispetto di qualche giorno fa: in un paese civile il mascalzone che si lamentava sarebbe stato cacciato a calci dal treno o almeno portato in questura per farlo sbollire. in Italia invece, gli si dà ragione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...