Giancarlo Enakapata Iorio

di Giancarlo Iorio

Caro Vincenzo,
ti voglio premettere qualche informazione sulla recensioe fotografica di ENAKAPATA.
Mi sono ispirato al concetto gramsciano di letteratura. Ho dato da leggere il libro a diversi personaggi di differente estrazione e cultura e li ho fotografati mentre, nel loro ambiente, leggono.
Le foto sono state eseguite con un apparechio digitale, perchè purtroppo non ho più la camera oscura e non potrei stampare delle foto eseguite in modalità analogica. Le foto sono a colori ma naturalmente si può visionare anche la versione in bianco e nero, specie per alcune di esse. Spero che il lavoro complessivamente non ti deluda. Qualche ritocco ancora e domani ti mando tutto
.
Ecco dunque alcuni dei “devastanti” effetti della lettura di un libro rivoluzionario!
Personalmente ho trovato prodigioso che un libro con lo stile narrativo del diario e un registro tendenzialmente giocoso e a volte scanzonato possa comunicare in modo così efficace e presentare le vite parallele (nel senso che non si incontreranno mai?) di Napoli e di Tokyo.

Angelo Michele e Tonio, zio e nipote. Il primo, 94 anni, ogni mattina muove tremila passi e li conta con una specie di corona. Vorrebbe sapere qualcosa di più sulla longevità dei giapponesi e mi chiede se è tutto merito del the. Tonio, 65 anni, (il lupo perde il pelo, ma non il vizio) vuole conoscere Kimi Matsujama.

Nina, appassionata di giardinaggio vuole trasformare il suo orto in un giardino zen

Zia Nicolina (quella che nella foto BW del balcone aveva 80 anni) ora novantatre anni, pasta in casa quasi tutti i giorni festivi, capisce la dipendenza della pasta che si fa sentire in terra straniera e solidarizza.

Iba ha scelto ENAKAPATA per perfezionare il suo italiano.

Giuseppe Storto, appassionato studioso di storia locale, produttore dell’eccellente olio “Sperone del gallo”, monovarietale, legge il libro prima di ribattezzare i suoi fichi ENAKAPATA.

Ornella, avvocato matrimonialista e housepastamaker, si chiede se nella ricetta del RAMEN i cavatelli possono sostituire i tagliolini all’uovo.

Bobo uno dei migliori cuochi molisani, cucina creativa ma legata al territorio, si chiede se la zuppa di pesce giapponese è più buona di quella termolese. Personalmente di giapponese amo Sashimi con Wasabi.

Questi giovani, universitari o laureati, hanno saputo del Riken e della tendenza dei giapponesi ad accogliere i cervelli in fuga, mi hanno chiesto come si dice in giapponese “Scusi con quale assessore bisogna parlare e che cifra si deve sborsare per potere essere assunti?” Ho avuto difficoltà a convincerli che non è così in Giappone ( e in Olanda e in America e in Germania….).

Incredibile anche questa insospettabile dote! ENAKAPATA aiuta a sbrogliare le matasse!

Flavia studentessa universitaria, barista precaria, è apparsa molto interessata alla Serendipity.

L’amico Tonino, pizzaiolo, of course, mi ha chiesto se l’autore di ENAKAPATA ha sentito più la mancanza della pastiera o della pizza Margherita.

Antonio e i suoi amici hanno cercato su ENAKAPATA la via giapponese alla perfezione nel gioco del bigliardino.

Domenico, amico muratore ed esperto di storia romana, sta costruendo casa e appare interessato alle strategie decisionali.

Annunci

9 thoughts on “Giancarlo Enakapata Iorio

  1. Bravo davvero….
    le foto sono bellissime,comunicano cose che a parole non si possono esprimere…

    Per Adriano…ma quanto sei pignolo!!!!
    peggio di un prof. di Matematica!!!
    :-)))))

  2. Vi ringrazio tutti.
    Viviana sto per mandare anche la versione B&W, grazie per il tuo entusiasmo
    Maria, sei gentile, ti ringrazio.
    Lucia Rosas grazie per i complimenti
    Prometto che mi impegnerò di più l’anno venturo e spero di prendere un voto migliore in Serendipity

  3. Touchè!
    Adriano ha trovato il pelo… nella pasta all’uovo!
    Neppure Sherlock Holmes avrebbe fatto di meglio!
    Se è per questo in ENAKAPATA non si parla neppure della via alla perfezione del bigliardino!
    Adriano, dì la verità, sei stato colpito da Ornella!
    Comunque grazie per i complimenti. Manderò anche una versione in bianco e nero delle foto.

  4. Giancarlo sei un mito! Mi sono divertita moltissimo!!!! Le foto sono bellissime ed espressive in modo non descrivibile a parole…
    vorrei tanto vederne alcune in bianco e nero, le immagino meravigliose ancor di più (se è possibile).
    Grazieeeeeeeeeeeee

  5. è fichissima questa realizzazione di Giancarlo, bravo: è creativa, divertente, ironica: molto ben fatta.

    Nota
    La ricetta del RAMEN è all’ultima pagina del libro mentre Ornella sta leggendo a poche pagine dopo l’inizio (ah ah ah ah ah)

    Add-On
    ne aggiungerei una così fatta: un assessore abbronzato con vestito blu, cravatta regimental e capello alla Denis Verdini che tiene tra le mani il libro sottosopra e lo guarda schifato. Didascalia: “ma come cazzo è scritto sto libro, in giapponese?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...